Heil Tinder!

Nell’estate del 2016 incredibilmente non si batteva chiodo, così un amico mi installò Tinder sul cellulare. Oh, finalmente, sesso facile, conoscere ragazze da tutto il mondo, forse trovare l’anima gemella (nel modo meno romantico concepibile)… No, niente, scherzavo, sono brutto, ma almeno mi sono fatto due risate leggendo le bio, chattando con i miei match (sì, sto abusando dell’inglese lo so, ma questa è una cosa proprio da ggiovani), sfogliando le foto e facendo screenshots a più non posso. Pertanto ho la gioia di condividere ora con voi quanto di più strano, inquietante, divertente o degno di nota abbia potuto trovare quest’anno e mezzo.

Transessuali: trovato una ragazza procace e disinibita in foto? Be’, ho una brutta notizia…

Screenshot_2017-08-21-12-01-22

Curiose pratiche: sapevate cosa sono i nodi shibari? Be’, io no, così lo chiesi a una ragazza, che mi fece entrare nella conoscenza del fantastico mondo del bondage. Lo shibari  è una disciplina giapponese che si è evoluta dalle tecniche dell’hojōjutsu, un’arte marziale nata per immobilizzare i prigionieri di guerra, e consiste nel legare una persona in un contesto erotico. Nata come pratica sessuale BDSM, oggi viene svolta da alcuni anche come forma di rilassamento o come forma artistica di scultura vivente. La ragazza mi scrisse del suo partecipare a peer ropes play parties, «eventi informali in cui ci si allena a far legature shibari» (cit. letterale). Al che le chiesi dei termini bunny e rigger di cui accennava nella bio che aveva all’epoca, e questa mi rispose che «la prima è chi si fa legare, l’altro è colui che lega», chiesi così se le corde dovessero passare solo attorno al corpo o dovessero anche immobilizzare gli arti, e lei disse che «dipende dalle legature, se le fai al busto, alle braccia, alle gambe o se fai una roba più completa». In ultimo le chiesi dove fosse il gusto, nella sottomissione, nella trasgressione, nell’estetica delle legature? Mi rispose che «se fa male non è che mi piaccia tanto. Il bello è nelle sensazioni scaturite dal contatto con le corde e con il rigger, ed essere in suo potere». L’imbarazzante conversazione ebbe termine così, rievocandomi prepotentemente l’episodio di Criminal Minds in cui un uomo, che però si fingeva donna, adescava bei maschioni, li portava a letto, ce li legava, e gli piantava una miriade di punte in corpo con una sparachiodi. Brr.

Pubblicità: d’altronde, non sono forse lo stimolo sessuale e il bisogno d’affetto insito in ognuno il miglior testimonial di sempre?

Persone con le idee chiare: meno male, ce ne sono ancora.

Screenshot_2017-10-17-15-26-57

Screenshot_2017-09-19-13-59-34
Lei vince

Amanti degli animali: baciamo i nostri animali domestici, esponiamoci ai loro germi, batteri e parassiti, perché si sa, zoofilia unica via…

Il tripudio dell’originalità

  1. le statunitensi convinte che ogni italiano cavalchi una Vespa e non vedi l’ora di scorrazzarle sui sampietrini come se fossero Audrey Hepburn;

2. le utilizzatrici degli incredibili filtri di Snapchat, processioni di persone con nasi canini e lingue penzolanti;

3. i selfie al cesso, perché si sa, ormai cagarci è troppo mainstream.

Novità in fatto di moda: le scollature delle statunitensi rivelano minne divaricate e non costrette.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...